I nostri Eroi

Il gruppo di Bari dell’Ass. Nazionale Marinai d’Italia nasce nel lontano 1955 ad opera del compianto Comm. Giuseppe Torre e di un gruppo di marinai, reduci del 2° conflitto mondiale.
L'associazione è dedicata alla memoria di 2 eroi:


S.T.V.Fortuno SCARDACCIONE , classe 1918.

Sua Maestà il Re, con suo decreto in data 22 Febbraio 1945 ha sanzionato la concessione effettuata “sul campo” dal Capo di Stato Maggiore della Marina della Medaglia d’Argento al V.M. al S.T.V. Scardaccione Fortuno, classe 1918 con la seguente motivazione:

Capo pattuglia di un N.E.F., conduceva con mirabile slancio e ardimento l’esplorazione, scontrandosi numerose volte con pattuglie avversarie.
Penetrato profondamente nel dispositivo nemico, scontratosi con forze preponderanti, si asserragliava in un abitato contenendo in lunga e durissima lotta i reiterati attacchi nemici.
In un tentativo di sortita cadeva colpito a morte da raffica di arma automatica, trovava ancora nel suo grande animo la forza di dare alla sua pattuglia le disposizioni per il ripiegamento. Fulgido esempio di eccelse virtù militari
.

(Belvedere Ostrense, 21 Luglio 1944).F.to De Courten

 
Sc. Cann. P.S. Giuseppe CANTA,matr. 51153, classe 1922.

Sua Maestà il Re, con suo decreto in data 26 Marzo 1942 ha sanzionato la concessione effettuata “sul campo” dal Capo di Stato Maggiore della Marina della Medaglia di Bronzo al V.M. al Sc. Cann. P.S. CANTA Giuseppe, matr. 51153, classe 1922 con la seguente motivazione:

Puntatore di mitragliera da 40/39 su silurante, nel corso di una incursione aerea nemica che colpiva l’unità, abbatteva con preciso tiro della sua arma uno degli apparecchi attaccanti.
Ferito ad una gamba non desisteva dalla lotta, apportando, con generosa fermezza ed elevato senso del dovere, il suo valido contributo all’abbattimento di un secondo velivolo.
Con operosità instancabile, incurante del pericolo, partecipava ancora al tentativo di spegnimento di un incendio a bordo di un aereo caduto nella vicinanza dell’unità finchè veniva proiettato in mare dall’ondata di esplosione di un siluro
.

 

(Mediterraneo Centrale, 9 Luglio 1941)